Rieducazione Alimentare e Controllo del Peso Corporeo

“..la salute e i tre fattori fondamentali: “quello che mangi, quello che bevi, gli esercizi che fai…” (Ippocrate 460-377 a.C.)

Che l’alimentazione, il movimento e l’attività fisica svolgessero un ruolo di fondamentale importanza sullo stato di salute e di benessere di un individuo, ha origini molto lontane.

Mai come in questi ultimi anni tale asserzione, puramente osservazionale, sta trovando così tante conferme in studi sperimentali, ricerche epidemiologiche ed evidenze scientifiche.

Una sana e corretta alimentazione ed una adeguata e costante attività fisica rappresentano non solo il primo momento di prevenzione per un sano benessere, ma anche un importante strumento di supporto negli interventi terapeutici delle più comuni patologie metaboliche e cronico degenerative dei nostri giorni.

L’alimentazione e l’attività fisica nell’infanzia e nell’adolescenza sono di fondamentale importanza…

Frequentemente ci rechiamo dal medico per dei sintomi di malessere generalizzato che ci tormentano…

Una rieducazione alimentare e il controllo del peso corporeo insieme una adeguata attività fisica…

Chi sono

Dopo una completa Formazione Scolastica, con Laurea, Specializzazione e Master di Perfezionamento, ho lavorato per alcuni anni nel laboratorio di citogenetica della Cattedra di Ematologia dell’Università degli Studi di Siena, con attività di ricerca e diagnosi citogenetica sulle neoplasie ematologiche.

Lasciata l’università ed il mondo accademico, ho iniziato a lavorare, per qualche anno, per Named s.r.l. (Natural Medicine), un’azienda farmaceutica del settore Nutraceutica e Fitoterapia, con il compito di promuovere presso la classe medica le “Medicine non Convenzionali” ed in particolar modo la Medicina Funzionale.

E’ in quel periodo che ho iniziato un lungo percorso di alta Formazione Professionale sulla nutrizione umana e sull’utilizzo degli integratori alimentari, che tuttora porta avanti con molto interesse.

Grazie alle molteplici competenze acquisite, ho messo appunto un metodo di lavoro che non è una dieta e non si dovranno pesare le porzioni, ma una rieducazione alimentare che va a contrastare le cause del disturbo, qualunque esso sia.